La storia e l’origine del caffè nei secoli

Il petrolio è una delle sostanze più preziose del pianeta. In alcuni circoli, viene anche chiamato “oro nero”. Tuttavia, non è l’unico fluido con questo titolo. Prima che il petrolio fosse scoperto e valorizzato, era il caffè ad avere questo titolo. Ancora oggi, il caffè rimane una delle merci più preziose del mondo. In effetti, il caffè è il secondo articolo commerciale di maggior valore sul mercato mondiale. Secondo i ricercatori, ogni giorno si consumano più di 2 miliardi di tazze di caffè, rendendolo la bevanda più consumata al mondo. Mentre leggete questo articolo, probabilmente avete una tazza di caffè in mano o sul vostro tavolo. Mentre scrivo questo, ho anche una tazza a portata di mano. Ma come ha fatto questa bevanda a diventare così popolare, non solo in una parte del mondo, ma in quasi ogni angolo della terra? Dalle remote isole tropicali ai centri commerciali, questa bevanda è stata amata, odiata, temuta, vietata e lodata. Unitevi a noi in un viaggio nel tempo e scoprite la ricca storia del caffè. Vedremo la sua scoperta, il suo primo uso, e impareremo di più sulla tumultuosa, interessante e accattivante storia di questa meravigliosa bevanda.

La storia e l'origine del caffè nei secoli

Nascita del caffè

Chi fu la prima persona nella storia a scoprire il caffè? Ebbene, secondo le ricerche e gli storici, la prima persona fortunata fu un uomo di nome Kaldi che viveva in Etiopia. Quindi possiamo dire che l’Etiopia è il luogo di nascita del caffè. Come ha fatto questo umile pastore a scoprire questa maestosa bevanda dei re? Ebbene, Kaldi viveva negli altipiani centrali dell’Etiopia intorno al VI secolo d.C. Secondo la tradizione, egli osservò che le sue capre, normalmente placide, acquisivano molta energia dopo aver mangiato il frutto rosso, simile alla ciliegia, di una certa pianta. Infatti, sono diventati così attivi che non si sono ritirati per la notte. Ha provato lui stesso il frutto e ha sentito lo stesso effetto. Nella sua eccitazione, mostrò il frutto a un monaco locale che lo usava per rimanere sveglio anche durante le lunghe preghiere serali. L’abate diede la bevanda ai membri del monastero e la notizia di questo frutto energetico si diffuse rapidamente in tutta l’Africa nordorientale e in Arabia.

La penisola araba

Gli arabi compresero rapidamente l’importanza di questo frutto e i primi alberi di caffè registrati furono coltivati nella penisola arabica nel 1100. Il caffè divenne presto un alimento base, e la gente lo chiamava gahwah. Questo nome è abbastanza indicativo della nuova importanza del caffè, poiché prima si riferiva al vino, e alla fine, per gli europei, fu tradotto come il “vino dell’Islam”. La prima caffetteria del mondo, il “Kiva Han”, aprì a Costantinopoli nel 1475.

Tuttavia, nonostante il suo grande fascino, cominciarono a sorgere problemi (gioco di parole) con la bevanda. Nel 1511, poco più di mezzo secolo dopo che le caffetterie erano diventate super-popolari nella città santa della Mecca, il governatore dell’epoca, Khayr Beymakes, rese la bevanda illegale. Perché? Perché i caffè sono luoghi di discussione sociale e di dibattito. Temeva che bere caffè avrebbe fomentato dissensi e ribellioni nella sua città, e gli piaceva il suo potere. Per far rispettare il divieto, ordinò che tutti i caffè del suo regno fossero vietati: anche fino a Costantinopoli. Gli amanti del caffè in tutto il regno presero questo come un affronto, e quello che lui temeva sarebbe successo: rivolte e disordini nella sua città! Purtroppo per lui, questi disordini non sono finiti solo nella sua regione, ma si sono diffusi ovunque! Quando le cose si fecero davvero pericolose, venne coinvolto il Sultano del Cairo. Proclama che il governatore ha torto e anche di più: il caffè è la bevanda sacra. Questo portò all’arresto e all’esecuzione del governatore.

Caffè in Europa

La storia del caffè: TimelineDalla penisola arabica, come è arrivato il caffè in Europa? Bisogna sapere che all’epoca la penisola arabica era il centro del commercio internazionale. Ecco perché i mercanti che vendevano le loro merci in Europa portavano con sé questa bevanda. Nel 1570, il caffè arrivò a Venezia. All’inizio, questa rara bevanda era disponibile solo per coloro che avevano immense ricchezze. Il suo effetto in Europa fu, in mancanza di una parola migliore, rivoluzionario.

Probabilmente a causa del suo aspetto nero e del suo sapore amaro, a differenza delle bevande dolci comuni agli europei, la gente guardava il caffè con apprensione. Per loro, questa bevanda era il diavolo incarnato e avrebbe condannato chiunque l’avesse bevuta. Infatti, il clero di Venezia ha vietato la bevanda nel 1615. Le cose andarono sempre peggio, finché non intervenne Papa Clemente VIII, che bevve la “bevanda di Satana” e decise che non c’era niente di male. Alcuni chicchi di caffè sono stati addirittura battezzati! Con l’approvazione della Chiesa, il caffè divenne più popolare che mai!

Il caffè ha preso d’assalto l’Europa per diverse ragioni. In primo luogo, la popolarità di questa bevanda amara ha offerto agli intraprendenti un’enorme opportunità economica. Questi commercianti europei ottennero delle ordinanze che permettevano loro di colonizzare le zone che avevano l’ambiente per la coltivazione del caffè.

Un altro modo in cui il caffè ha rivoluzionato l’Europa è stato l’emergere delle caffetterie. Proprio come nella penisola araba, i caffè servivano come luoghi di incontro, discussione e scambio di pettegolezzi. Le caffetterie divennero così popolari per le notizie e le informazioni che nei secoli XVII e XVIII furono chiamate “penny universities”, perché si potevano ottenere molte informazioni al prezzo di una tazza di caffè (un penny). Nel 1652, il primo caffè fu aperto in Inghilterra. Nel 1688, la Coffee House di Edward Lloyd aprì e si evolse in Lloyd’s, una delle compagnie di assicurazione più popolari e rinomate.

La cultura del caffè nel mondo

La storia del caffè: TimelineI commercianti olandesi trovarono successo e ricchezza piantando chicchi di caffè. Dopo molti sforzi, gli olandesi ottennero finalmente i chicchi di caffè nel XVII secolo. Avendo molte colonie, decisero di piantare dove pensavano che il caffè sarebbe cresciuto. I loro sforzi per piantare in India furono molto infruttuosi, ma alla fine trovarono il successo in alcune delle loro isole colonizzate, specialmente nell’ormai popolare Java.

Gli olandesi hanno rivoluzionato il consumo e la produzione di caffè in tutta Europa e sono stati i primi a chiamare la bevanda koffee.

Caffè in Asia

Nel 1600, l’Arabia e molti stati e province musulmane in Africa avevano una presa di potere sulla coltivazione e il commercio del caffè in tutto il mondo. Per garantire il mantenimento dello status quo, fu proibita l’esportazione di chicchi di caffè fertili che potevano essere piantati altrove. I chicchi di caffè esportati venivano bolliti per renderli sterili. Tuttavia, un indiano orientale chiamato Baba Budan ha trovato un modo per aggirare questo problema. Ha contrabbandato chicchi di caffè fuori dalla città della Mecca usando un metodo semplice: legare il seme al suo stomaco! Tornato a casa, coltivò segretamente i chicchi e introdusse il caffè in India.

Caffè in America

La storia del caffè: TimelineL’industria brasiliana del caffè è oggi una delle più grandi del mondo ed è iniziata con un affare illecito. Nel 1727, un ufficiale della guardia costiera brasiliana in visita a Cayenne, nella Guyana francese, si innamorò della moglie del governatore. Come segno del loro amore proibito, lei gli ha offerto un bouquet. Alla base del bouquet c’erano delle piante di caffè rubate. Questi sono stati poi portati in Brasile per essere coltivati. Così nacque l’industria brasiliana del caffè, che dominò il commercio mondiale del caffè per secoli.

È interessante notare che le piantine segrete sono responsabili di più di 15 milioni di alberi di caffè nel prossimo mezzo secolo. Dai Caraibi alle Americhe, queste piante di contrabbando gettarono le basi per la fiorente industria del caffè.
Conclusione

Si può vedere la meravigliosa e travagliata storia di questa bella bevanda. La prossima volta che ordinate o preparate una tazza di caffè, pensate a quanta strada ha fatto da un’umile scoperta di un pastore di capre a un’industria multimiliardaria.